Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



Le Vostre Domande

Mps, c'è ristoro su questi bond ereditati?

La risposa un lettore che ha ricevuto le obbligazioni della banca dopo il termine fissato a fine 2015

Redazione FR
giovedì 12 ottobre 2017 14:02

La segnalazione di un lettore a redazione@finanzareport.it offre ancora una volta la possibilità di esplorare i dettagli dell'operazione di ristoro di Mps sui bond subordinati Upper Tier 2. In questo caso l'obbligazionista di Banca Mps ha ricevuto i titoli in eredità.

Ricordiamo che sull'operazione della banca toscana abbiamo dedicato recentemente due focus: uno su come funziona il ristoro di Banca Mps e l'altro su quanto potrebbe fruttare il ristoro Mps per gli obbligazionisti. Inoltre alla sezione Le Vostre Domande rispondiamo da mesi ai quesiti dei lettori. Passiamo ora alla segnalazione. Più sotto la risposta dell'esperto, Carmelo Catalano.


"Buongiorno, ho letto che il diritto al ristoro delle azioni MPS rivenienti dalla conversione delle obbligazioni subordinate UT2 (burden sharing) è condizionato al fatto che l'acquisto delle obbligazioni sia intervenuto entro il 31/12/2015. Io mi trovo nella situazione di aver ereditato tali obbligazioni nel 2016 da mia madre, che le aveva sottoscritte nel 2008.

La condizione limite del 31/12/2015 vale anche per me oppure posso ritenere che nel mio caso non valga in quanto non ho acquistato ma ereditato nel 2016? Nel caso che il limite nel mio caso non valga e che, quindi, io abbia diritto al ristoro, il valore su cui verrà effettuato il calcolo sarà quello nominale o quello fissato al momento dell'eredità, cioè il valore di mercato di quel momento (che era inferiore a quello nominale)?".
Arles Acerbi


Il lettore avrà diritto al ristoro commisurato al valore nominale. Ciò in quanto il trasferimento a titolo gratuito, sia mortis causa che inter vivos, non rileva ai fini della verifica della data di acquisto.

Come peraltro già chiarito da BANCA MPS nel comunicato, ex art. 102 TUF, che annuncia l'offerta laddove, a pagina 1, nell'elencare i casi di esclusione dall'offerta ha precisato testualmente quanto segue: "(ii) abbiano acquistato o sottoscritto i Titoli UT2 successivamente al 31 dicembre 2015 (in caso di acquisto a titolo gratuito si fa riferimento al momento in cui i Titoli UT2 sono stati acquistati dal dante causa).

Pertanto nel caso specifico si farà riferimento alla data di acquisto della dante causa del lettore, la madre a tutti gli effetti e anche per quel che riguarda il prezzo di acquisto, che nella fattispecie è il valore nominale, coincidente con il prezzo di emissione dei titoli stessi.


Dott. Carmelo Catalano



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2017 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy