Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



Le Vostre Domande

Mps, cosa fare con le obbligazioni UT2

Le risposte a un investitore preoccupato per i suoi risparmi, aveva puntato tutto su questo bond

Redazione FR
venerdì 28 luglio 2017 13:41

Ancora una domanda sulle obbligazioni UT2 di Banca Mps. A porla è un investitore preoccupato per i suoi risparmi, che come tanti altri gentili lettori ha scritto a redazione@finanzareport.it per ottenere qualche chiarimento. In attesa dei decreti attuativi del Tesoro, ecco la lettera ricevuta e la risposta a cura di Carmelo Catalano.

"Gentile redazione
desidererei informazioni in merito alla conversione delle obbligazioni Mps UT2 scadenza 2018. Perdo tanto? Ho investito tutti i miei risparmi e sono seriamente preoccupato. Sono sottoscrittore delle sopracitate obbligazioni. Inoltre è gradito come avviene il calcolo presunto. Sicuro di una Vostra risposta, vi invio distinti saluti e buon lavoro".
Giuseppe

Il lettore, possessore delle obbligazioni MPS UT2 2018, non dovrebbe perdere nulla a condizione che le abbia acquistate entro il 31.12.2015 tramite una società del gruppo MPS.

Infatti per queste obbligazioni la norma prevede in prima battuta la conversione in azioni e successivamente, nel caso di scorretta commercializzazione delle UT2, l'attribuzione di obbligazioni senior emesse da MPS, o società del gruppo, con scadenza uguale a quella delle UT2 (Maggio 2018).

Il lettore, che ha concentrato gran parte dei suoi investimenti nell'obbligazione in parola, dovrebbe rientrare nella casistica della scorretta commercializzazione.

Quindi, come detto, i passaggi sono i seguenti. A breve il lettore si vedrà attribuire delle azioni MPS al posto delle sue obbligazioni. Successivamente queste azioni saranno ritirate da MPS che darà al lettore obbligazioni meno rischiose.

Con la precisazione che mentre il primo passaggio, quello delle azioni, avverrà in automatico, il secondo avverrà in seguito alla stipulazione di una transazione tra Banca MPS e il lettore. Transazione che dovrà essere stipulata entro 120 giorni dall'emanazione del decreto ministeriale, in corso di registrazione alla Corte dei Conti, che dispone la conversione delle obbligazioni in azioni.

Al momento in cui scriviamo non sono note le procedure da seguire per la stipulazione della transazione ma pare probabile che MPS lanci un'offerta pubblica di transazione nella quale saranno contenute tutte le indicazioni procedurali.

Consigliamo, quindi, al lettore di tenersi informato leggendo questo giornale, dove potrà reperire tutte le informazioni man mano che saranno disponibili, e tramite la filiale della banca dove le obbligazioni sono depositate.

Per quanto riguarda i calcoli, nel rinviare a questo articolo per tutti i passaggi tecnici, essi non presentano particolare complessità e sono regolati dell'art. 19, comma 2, lett. da c) a e) del DL 237/2016, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 15/2017.

In pratica si farà riferimento al prezzo di acquisto delle obbligazioni. Le obbligazioni furono emesse alla pari e, quindi, se il lettore le ha acquistate in sede di sottoscrizione, come pare di capire, si vedrà attribuire 1.000 euro di nuove obbligazioni per ogni 1.000 euro di vecchie obbligazioni. Nel caso, invece, le avesse acquistate successivamente, pagandole ad esempio 95 si vedrà attribuire 950 euro di nuove obbligazioni per ogni 1.000 euro di vecchie obbligazioni possedute.

Chiudiamo con l'invito, rivolto a tutti i lettori, di evitare di concentrare gli investimenti su pochi prodotti, specialmente se emessi da un unico soggetto. Perché così facendo si amplifica a dismisura il rischio (rischio specifico) senza però ottenere in contropartita rendimenti commisurati al rischio che ci si assume.

Dott. Carmelo Catalano



Copyright © 2017 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy