Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News Flash

Astaldi valuta anche il concordato in bianco

Venerdì si terrà una riunione del Cda cruciale per il salvataggio del gruppo romano. Sul tavolo tante ipotesi tra ristrutturazione del debito, cessioni e nuove alternative

Rosario Murgida
mercoledì 26 settembre 2018 11:38

Venerdì prossimo, sul tavolo del consiglio di amministrazione di Astaldi rischiano di finire numerose ipotesi per salvare dal fallimento il gruppo romano delle costruzioni.

Ai consiglieri potrebbe essere presentata l'ipotesi del concordato in bianco, secondo quanto scrive il Sole 24 Ore, uno strumento destinato a tutelare azienda e creditori dal default di un'azienda messa a dura prova da un'esposizione debitoria da ben 4,7 miliardi.

L'iter - scrive la testata - prevede che una volta depositata la richiesta Astaldi abbia tra i 120 e i 180 giorni di tempo a disposizione per decidere se procedere con un concordato preventivo oppure fare ricorso all'articolo 182 bis (o septies), che prevede il raggiungimento di un'intesa di tipo negoziale, ma con garanzie costituite da una verifica e da un'omologa del tribunale. Il progetto deve essere gradito ad almeno il 60% dei creditori, compresi i privilegiati, e normalmente si utilizza sia per liquidare l'impresa sia per continuare l'attività.


L'ipotesi è resa necessaria dai ritardi nel portare avanti il piano di rafforzamento patrimoniale corredato da un aumento di capitale da 300 milioni con garanzie fornite da Jp Morgan a patto di una rapida cessione della concessione del Ponte sul Bosforo. Tuttavia la cessione non sembra a buon punto e quindi tutta l'impalcatura del piano rischia di saltare. Pertanto si starebbero valutando tutta una serie di opzione, tra cui appunto il concordato in bianco.

A Piazza Affari il titolo Astaldi viene scambiato in territorio negativo. Alle 11,38 perde infatti lo 0,32% a 1,235 euro.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy