Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News Flash

Carige, Fitch taglia il rating a CCC+

Il fallimento della banca è visto dall'agenzia come "una reale possibilità". La banca replica: requisiti in linea con la vigilanza, oggi incontro "costruttivo" con la Bce "anche in vista della valutazione di possibili alleanze"

S. N.
mercoledì 10 ottobre 2018 18:49

Fitch ha tagliato il rating di lungo termine di Banca Carige a CCC+ da B- con rating watch negativo.

La decisione dell'agenzia di rating arriva mentre la banca è impegnata a mettere in campo misure per il rafforzamento, tentando però di evitare il ricorso a un aumento di capitale, e nel giorno in cui il management della banca era atteso a Francoforte per un incontro con la vigilanza Bce. Un incontro che, ha precisato questa sera Carige, è stato "costruttivo" e in cui si sono analizzate "le prospettive future anche in vista della valutazione di possibili alleanze".

Il taglio del merito creditizio per Fitch riflette invece l'ipotesi che "il fallimento della banca sia una reale possibilità dal momento che sarà una sfida per l'istituto rafforzare il capitale", con la conseguenza che alla fine potrebbe rendersi necessario "un intervento del regolatore", con perdite a carico dei creditori senior. "Questo porterebbe a un (ulteriore) downgrade", spiega Fitch.

L'agenzia mette in discussione il potenziale successo del bond subordinato da 200 milioni, una delle misure prioritarie per soddisfare le richieste della Bce.

Fitch scrive infatti che il maggiore azionista Malacalza, nonostante la volontà espressa di supportare Banca Carige, non abbia preso un deciso impegno a sottoscrivere l'intero prestito obbligazionario.

In serata è arrivata la replica di Carige, affidata a una nota in cui si precisa "che nelle interlocuzioni con i Regulators non è mai stato espresso alcun riferimento a una eventuale possibilità di fallimento. Si evidenzia a riguardo che il CET1, indice che misura la solvibilità della Banca, è in linea con i requisiti previsti dalla Vigilanza".

Si sottolinea inoltre che "l'Agenzia non ha tenuto conto dei progressi realizzati dopo l'assemblea degli azionisti in tema di governance e di sostegno finanziario degli azionisti. Si riserva quindi valutazioni sull'operato di Fitch".

Carige conferma che si è svolto oggi "il programmato incontro con BCE, che è stato costruttivo in ottica di percorso per il rispetto dei requisiti sull'Overall Capital Requirement 2018 e si sono analizzate le prospettive future anche in vista della valutazione di possibili alleanze".

Tornando al report di Fitch, il taglio del rating riflette anche il nuovo cambio di management, poiché secondo l'agenzia aggiunge incertezza su strategie future e sulla tempistica del rilancio.


L'agenzia sottolinea poi la "vulnerabilità" dell'istituto anche in termini di qualità del credito. Sul fronte dei crediti problematici Fitch ritiene infatti plausibile che le inadempienze probabili possano essere deconsolidate entro fine anno, mentre la cartolarizzazione di Npl per 1 miliardo già prevista dal piano potrebbe subire ritardi a causa delle mutate condizioni di mercato.

L'istituto ligure deve presentare alla Bce un nuovo piano di conservazione del capitale entro il prossimo 30 novembre. La banca è già reduce da tre aumenti di capitale in 4 anni, l'ultimo meno di un anno fa.

In Borsa intanto Carige ha lasciato oggi sul terreno il 5,77% a 0,0049 euro dopo un minimo storico intraday a 0,0048.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy