Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News Flash

Credit Suisse, accordo con ex Lehman Brothers

Nel fallimento saranno ammesse richieste della banca svizzera per 385 milioni di dollari

S. N.
mercoledì 13 giugno 2018 11:12

Tornano i "fantasmi" di Lehman Brothers. Il Credit Suisse ha concluso negli Usa un accordo extragiudiziale nell'ambito della vertenza, risalente al 2009, che opponeva l'istituto al gruppo bancario fallito per la bufera dei mutui subprime, contribuendo ad aggravare la crisi finanziaria.

L'accordo riguarda transazioni sui derivati tra le due parti e deve ancora ottenere l'approvazione delle autorità giudiziarie, spiega la banca svizzera in una nota. In base all'accordo le richieste di Credit Suisse saranno ammesse nel fallimento di Lehman per un importo totale di 385 milioni di dollari: in precedenza la banca elvetica aveva chiesto 1,2 miliardi di dollari.

L'istituto spiega di aspettarsi un impatto immateriale di circa 70 milioni di dollari sul risultato annuale della sua unità per la liquidazione dei crediti problematici Strategic Resolution Unit (SRU).



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy