Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News Flash

Poste, nessuno stop alla gara per le polizze Auto

L'ad Del Fante smentisce le voci sul blocco del beauty contest per la scelta di un partner per le polizze auto. La gara è stata sospesa solo per approfondimenti. Intanto i risultati trimestrali si rivelano superiori alle attese

Rosario Murgida
giovedì 8 novembre 2018 09:44

Poste Italiane si piazza tra i migliori titoli del Ftse Mib dopo la pubblicazione di risultati superiori alle attese mentre emergono nuove indicazioni sulla gara per la scelta di un partner per la distribuzione di polizze Rc Auto.

L'amministratore delegato Matteo Del Fante ha infatti smentito, quantomeno in parte, le indiscrezioni di stampa su uno stop alla gara che vedeva in corsa Generali, Unipol e Allianz. Il beauty contest non sarebbe stato interrotto in scia a una revisione della stategia sul ramo Danni bensì solo sospeso per maggiori approfondimenti.

La gara "è soltanto sospesa, l'abbiamo detto a tutti i partecipanti. Sono in corso approfondimenti tecnici", ha spiegato Del Fante, attribuendo la sospensione a "difficoltà di natura pratica" per una tipologia di prodotto che le Poste andrebbero a distribuire tramite gli sportelli postali per la prima volta nella loro storia. "Abbiamo ricevuto da tutte le compagnie Auto un interesse molto caldo e molto forte. Siamo assolutamente interessati e andremo avanti. Dobbiamo finire gli approfondimenti", ha aggiunto il manager.

Del Fante ha parlato poco dopo la pubblicazione di conti trimestrali risultati migliori delle attese che hanno spinto, per esempio, Equita Sim a confermare la raccomandazione buy e il target price di 9,3 euro.

Nello specifico il gruppo romano ha chiuso il terzo trimestre con un utile netto in crescita del 50% a 321 milioni di euro, ben oltre i 273 milioni del consenso, mentre nei primi nove mesi dell'anno i profitti sono saliti del 45,9% a 1,056 milioni. I ricavi sono inoltre cresciuti del 5,3% a 2,5 miliardi nel trimestre e dello 0,7% a 7,9 miliardi nel cumulato annuo.

Il Cda ha inoltre deliberato la distribuzione di un dividendo per il 2018 di 0,44 euro per azione, in aumento del 5% come previsto dal piano industriale Deliver 2022, grazie ad un utile per azione di 0,81 euro nei primi nove mesi del 2018. Tra l'altro Del Fante ha precisato che Poste non cambierà la sua politica dei dividendi anche con un allargamento dello spread su livelli più elevati di quelli raggiunti nelle ultime settimane. "L'impatto dello spread non tocca il conto economico di Poste: i titoli sono tenuti fino a scadenza e noi portiamo in conto economico gli interessi portati dal monte titoli. C'è stata una variazione negativa di mark-to-market ma ciò non avrebbe impatto sul conto economico e, quindi, sulla capacità di scaturire dividendi".

Alle 9,44 le azioni Poste Italiane guadagnano il 4,79% a 7,004 euro.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy