Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News Flash

Tim, sindacati annunciano presidio davanti al Mise

Nuova iniziativa per protestare contro "impoverimento dell'azienda" e timori per duello tra Vivendi e fondo Elliott

S. N.
giovedì 8 novembre 2018 12:35

Mentre il cda di Tim è riunito in queste ore per approvare i conti del terzo trimestre e valutare altri dossier fra cui le cessioni ma anche possibili svalutazioni, i sindacati tornano far sentire la loro voce annunciando una protesta.

In particolare, le sigle Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil promuovono per il 21 novembre un presidio davanti al Mise, denunciando "il silenzio e l'immobilismo della politica e delle istituzioni, rispetto al futuro di Tim".

I sindacati, che recentemente hanno chiesto un incontro al premier Giuseppe Conte, descrivono Tim come "un'azienda fortemente impoverita" mentre "gli ultimi mesi ci hanno poi consegnato uno scenario straordinariamente preoccupante con l'emersione di migliaia di potenziali esuberi gestiti senza effetti traumatici grazie ad un importante accordo di tenuta, realizzato dal sindacato confederale utilizzando i contratti di solidarietà sottoscritti al Ministero del Lavoro l'11 Giugno 2018".


Il tutto, prosegue il comunicato congiunto, "mentre si consuma una battaglia" per il controllo di Telecom "tra due azionisti (Vivendi e fondo Elliott, ndr) che prosegue ormai da mesi e che non accenna a placarsi".



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy