Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Analisi

Fca investe 1 miliardo e premia i dipendenti

Effetto Trump: grazie ai tagli delle tasse bonus per i dipendenti dopo la riforma voluta dal presidente. Intanto il titolo aggiorna ancora i suoi massimi storici a Wall Street

Rosario Murgida
venerdý 12 gennaio 2018 09:33

Fca rafforza la sua presenza industriale negli Stati Uniti grazie ai benefici generati dalla riforma fiscale del presidente Donald Trump e prosegue il suo rally in Borsa propiziato da una combinazione di fattori.

Ieri sera, peraltro dopo aver aggiornato il nuovo massimo storico a Wall Street in scia alla positiva intonazione dei mercati con un rialzo del 7,19% a 23,42 dollari (in questo momento a Milano Ŕ il miglior titolo del Ftse Mib con un +2,6% a 19,5 euro e nuovo record a Piazza Affari), il gruppo ha annunciato innanzitutto un investimento di oltre 1 miliardo di dollari in Michigan per nuove produzioni automobilistiche. Fca, sempre che le autoritÓ locali e statali varino gli opportuni incentivi, rinnoverÓ lo stabilimento di Warren con l'obiettivo di produrre dal 2020 il nuovo Ram Heavy Duty, nella versione attuale assemblato nell'impianto messicano di Saltillo.

L'investimento porterÓ ad un aumento dei volumi produttivi e conseguentemente alla creazione di 2.500 posti di lavoro e consentirÓ a Fca di evitare i possibili effetti negativi della modifica del trattato Nafta. Tra l'altro Warren Ŕ stato giÓ oggetto di un annuncio analogo un anno fa con nuovi investimenti per la produzione delle nuove Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer. Con il nuovo stanziamento superano la soglia dei 10 miliardi di dollari gli investimenti annunciati da Fca per gli Stati Uniti dal giugno del 2009, mese di uscita dalla bancarotta pilotata da parte di Chrysler.

Il gruppo guidato da Sergio Marchionne ha per˛ deciso di procedere con un'altra misura per approfittare della riforma fiscale e quindi del taglio dell'aliquota sulle imprese dal 35% al 21%. SarÓ infatti corrisposto nel secondo trimestre a circa 60 mila dipendenti un bonus straordinario di 2 mila dollari.

"Questi annunci - ha commentato Marchionne - riflettono il nostro costante impegno sulla nostra impronta manifatturiera negli Stati Uniti e sui nostri dipendenti che hanno contribuito al successo di Fca. ╚ corretto che i nostri dipendenti condividano i risparmi generati dalla riforma fiscale e che noi si riconosca il conseguente miglioramento del contesto economico degli Stati Uniti investendo pertanto sulla nostra struttura industriale".



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright ę 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy