Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Analisi

Telecom, nel piano migliaia di esuberi

Al via le trattative con i sindacati per adeguare la struttura del personale alla nuova strategia digitale

Stefano Neri
lunedì 8 gennaio 2018 09:36

Si apre un nuovo fronte per Telecom Italia, l'ennesimo a dire il vero, anche se finalmente collegato al piano industriale in presentazione a marzo, e non a questioni politiche come il golden power del governo o la neutralità della rete, oppure a beghe interne come quella che si è creata recentemente sulla joint venture con Canal Plus.

Il fronte che si apre è sindacale e riguarda comunque un dossier delicato, quello del ricambio generazionale, che si dovrebbe concretizzare nelle intenzioni dell'azienda in migliaia di esuberi - qualcuno ipotizza addirittura fino a 10.000, altri ritengono plausibile una convergenza su 5.000 - seguiti però da nuove assunzioni nell'ambito del piano 2018-2021 e della digitalizzazione del gruppo.

La notizia è trapelata nel fine settimana da fonti sindacali, mentre Telecom per ora non ha commentato, ma neppure smentito. Non esistono cifre ufficiali. Gli esuberi si intendono "spalmati" sul triennio del piano 2018-2021. Il management dell'azienda guidata oggi dall'israeliano Amos Genish punta evidentemente a intavolare una trattativa per arrivare a marzo, quando sarà presentato il piano industriale, con l'accordo "in tasca".

L'obiettivo sarebbe adeguare la struttura del personale ai cambiamenti tecnologici e organizzativi. Tuttavia i sindacati, che già nelle scorse settimane avevano chiesto maggiore chiarezza sulle future strategie della nuova Telecom targata Vivendi, vorranno conoscere indicazioni più precise. Telecom ha in agenda un incontro il 18 gennaio con i sindacati di categoria (Fistel Cisl, Slc Cgil e Uilcom Uil).

La nuova trattativa si apre dopo che a fine 2017 è stato completato il programma di contratti di solidarietà che ha riguardato oltre 30mila lavoratori e ha visto fra l'altro l'uscita di 170 dirigenti. Complessivamente circa 2mila persone hanno lasciato il gruppo anche ricevendo incentivi, portando l'attuale perimetro occupazionale a 51.000 addetti.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy