Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Mercati

Borsa, Milano chiude debole. Bene Ferrari, giù Carige

Piazza Affari negativa in una giornata contrastata nel resto d'Europa e scontando realizzi dopo il buon avvio di settimana

S. N.
martedì 11 settembre 2018 18:15

La Borsa di Milano chiude oggi negativa in una giornata debole e contrastata nel resto d'Europa e scontando realizzi dopo il buon avvio di settimana.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura -0,31% a 20.853 punti.

Sul forex, l'euro/dollaro è debole appena sotto quota 1,16 contro il biglietto verde.

Il petrolio è positivo con il Brent sopra 78 dollari al barile e il Wti a circa 69 dollari.

Lo spread Btp/Bund si attesta a 251 da 250 punti base di ieri, con il rendimento del decennale italiano al 2,94% da 2,90% (dati Bloomberg).


Tornando agli indici di Borsa, realizzi sulle banche con Intesa Sanpaolo-1,6%, Banco Bpm-1,5%, Unicredit -1,3%, quest'ultima che tuttavia secondo indiscrezioni di stampa avrebbe accelerato sulla dismissione di Npl.

In calo dello 0,7% Banca Mps, Carige volatile-3,4% in attesa dell'assemblea per il rinnovo del board, mentre la Consob che non ravvisa irregolarità nella lista Mincione.

Positive invece le azioni Ubi +0,5%, Fineco +0,7%.

Prese di beneficio su Leonardo in calo dell'1,8% dopo il +7% di ieri mentre è ripreso il dialogo con Fincantieri (-0,3%) anche sulle prossime partnership europee. In fondo al listino Mediaset -3,3%.

Prosegue invece il recupero Telecom con un progresso di circa lo 0,3% grazie anche a un report positivo di Bernstein.

Misti i petroliferi con Saipem che cede lo 0,7%, Tenaris +0,6%, Eni +0,2%.

Fca -0,7% nonostante l'interesse manifestato dall'hedge fund Tiger che ha raddoppiato la sua quota, mentre Ferrari segna +1,5% migliore del listino con i benefici fiscali del Patent box.

Astaldi -1,8% ancora in rosso dopo che anche Moody's ha tagliato il rating del general contractor italiano alle prese con la crisi valutaria turca.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy