Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Mercati

Borsa Milano debole. Corre Banco Bpm, scivola Unicredit

Seduta dominata dalle trimestrali, lo spread si allarga ma resta sotto quota 300

S. N.
giovedì 8 novembre 2018 12:20

La Borsa di Milano scambia in territorio negativo a metà seduta, in una nuova giornata dominata dalle trimestrali.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna alle ore 12,10 -0,59% a 19.424 punti. Contrastato il resto d'Europa, con solo Londra sopra la parità.

L'euro è stabile poco sopra 1,4 contro il dollaro, mentre il petrolio è in leggera ripresa con il Brent a 72 dollari e il Wti a 62 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund segna quota 296 punti da 289 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 3,41% da 3,33% (dati Bloomberg).

Tornando agli indici di Borsa, in cima al listino principale svetta Banco Bpm +7%, dopo i numeri del terzo trimestre che sembrano diradare i timori sull'impatto dello spread.


Per contro Unicredit segna -4,4% dopo la svalutazione degli asset turchi e il taglio di alcuni target, mentre i ricavi sono usciti sopra attese.

Fra le altre banche leggermente positiva Bper +0,03% con la nuova cartolarizzazione da 1,9 miliardi di Npl, consolidano Intesa Sanpaolo e Ubi in calo di circa 1 punto percentuale, mentre Fineco cresce di oltre l'1% con l'accenno a dismissioni da parte della casa madre Unicredit per proteggere il capitale.

Fuori dal Ftse Mib Banca Mps +0,2% attende poco mossa i conti in agenda domani, Carige invariata.

Ancora fra le trimestrali, Generali +0,1% dopo conti dei primi 9 mesi in linea con attese.

In spolvero le Poste +1,9% dopo i risultati, mentre il gruppo rilancia la gara per un'alleanza nell'Rc Auto.

Attende i conti anche Tim +0,4% mentre il cda potrebbe discutere eventuali maxi-svalutazioni.

Fra gli altri titoli bene fra i petroliferi Saipem in rialzo di oltre l'1%. Nell'auto realizzi sulle azioni Fca -0,3%, mentre Ferrari segna +0,35%.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy