Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Mercati

Borsa Milano debole, in evidenza Creval

Banche contrastate, fra i petroliferi rimbalzo per Saipem e Tenaris. Spread volatile

S. N.
giovedì 9 agosto 2018 13:13

Piazza Affari si mantiene debole oggi a metà giornata in una seduta contrastata nel resto d'Europa, con la sola Francoforte in questo momento sopra la parità.

In primo piano anche la volatilità dello spread, favorita essenzialmente dagli scambi sottili, e con indiscrezioni in attesa della ripresa dell'attività politica dopo la pausa estiva.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna alle ore 13,13 -0,64% a 21.650 punti.

Sul forex, l'euro/dollaro è debole poco sotto quota 1,16 contro il biglietto verde.

Il petrolio è stabile con il Brent a 72 dollari al barile e il Wti a 66 dollari dopo lo scivolone di ieri.

Sull'obbligazionario il tasso del Btp a 10 anni si attesta in questo momento al 2,90% dal 2,89% di ieri mentre lo spread segna 251 da quota 249 punti base.


Tornando agli indici di Borsa, petroliferi misti con Saipem e Tenaris che rimbalzano di circa l'1% mentre Eni lascia sul terreno lo 0,7%.

Fra le banche, penalizzate anche dai timori per lo spread, proseguono i realizzi su Bper -1,4%, ieri in calo del 5,9% dopo conti sotto le attese.

Debole anche Unicredit che cede oltre l'1%, mentre Banca Imi ha alzato oggi la raccomandazione a Buy sul titolo, pur tagliando il target price.

Sotto la parità Banco Bpm, Ubi, Mps e Intesa Sanpaolo, mentre Fineco recupera il +0,85%.

Carige regge sulla parità dopo le nuove dimissioni dal cda, con il mercato che guarda già alla battaglia per il rinnovo del board nell'assemblea del 20 settembre.

Occhi puntati anche su Creval +1,3% dopo la richiesta dell'azionista Dumont di un rinnovo del board della banca valtellinese.

Credem cede oltre l'1% dopo una semestrale leggermente sotto le attese.

Negli assicurativi Unipol -1,4% alla vigilia della trimestrale e dopo i nuovi acquisti su Unipolsai che guadagna lo 0,2%.

Fra gli altri titoli, tenta un recupero Tim a +0,3%, così come Ferrari +0,1%, mentre Fca scambia sotto la parità. Qualche presa di beneficio su Leonardo -0,5%.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy