Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Mercati

Borsa: Milano giù con Europa. Male Ferrari, crolla Carige

Contrastate le banche, mentre lo spread sale dopo le aste e per gli acquisti sul Bund come "rifugio"

S. N.
giovedì 11 ottobre 2018 12:40

La Borsa di Milano scambia in terreno negativo a metà seduta, all'indomani del sell-off che ha preso di mira i listini di Wall Street trascinati dal comparto tecnologico.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna alle ore 12,40 -1,52% a 19.419 punti, leggermente meglio dei principali indici azionari europei, mentre in Asia Tokyo ha perso quasi il 4% e Shanghai oltre il 5%.

"Il brusco sell-off negli Usa probabilmente non ha colto nessuno di sorpresa. Gli investitori avrebbero piuttosto dovuto chiedersi come, a dispetto di una politica monetaria più restrittiva, un mercato del lavoro in contrazione e un prezzo del petrolio in aumento, gli Stati Uniti avessero continuato a essere così resilienti", si legge in una nota di Fidelity International.

Lo spread Btp/Bund segna 309 punti da 295 punti base di ieri, per effetto anche di maggiori acquisti sul titolo tedesco come "bene rifugio", mentre il rendimento del decennale italiano si attesta al 3,60% dal 3,50% (dati Bloomberg).

Le aste di medio lungo termine del Tesoro hanno visto intanto un forte rialzo dei tassi.

Sul forex, l'euro/dollaro recupera terreno in area 1,1570 contro il biglietto verde.

Il petrolio è negativo con il Brent sotto 82 dollari al barile e il Wti a 72 dollari.


Tornando agli indici di Borsa, resta nel mirino il lusso con Moncler -3%, la stessa Ferrari -4,1% che si è vista tagliare raccomandazione e target price dagli analisti di Jefferies.

Vendite anche su Fca -1,7% e la casa madre Exor -3,5%, Buzzi Unicem -3%.

Stm -0,7% limita i danni dopo il mercoledì nero di Wall Street che ha colpito soprattutto i tecnologici, beneficiando di un report di SocGen che conferma il buy e la sua preferenza sul titolo.

Telecom +0,5% guarda alla possibile cessione di Persidera con possibili novità entro fine mese, secondo indiscrezioni di stampa.

Contrastate le banche con Ubi +0,6%, mentre le azioni Intesa Sanpaolo, Unicredit, Banco Bpm scambiano poco sotto la parità. Giù Fineco -2,9%.

Fuori dal Ftse Mib Carige -10,2% crolla all'indomani del taglio del rating da parte di Fitch e nel giorno del cda convocato per esaminare le nuove indicazioni della Bce, mentre Mps perde oltre il 2% ancora dopo l'allarme sul capitale sceso sotto la soglia di vigilanza.

Fra i petroliferi Saipem e Tenaris giù di oltre il 3,5% mentre Eni contiene le perdite a -2% con i commenti positivi dell'ad Descalzi sul recente accordo in Libia.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy