Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Mercati

Borsa, Milano rimbalza con l'Europa

Tutta Europa positiva sulla scia di Wall Street. Riparte anche Fca, bene le banche

Redazione FR
venerdì 19 maggio 2017 10:22

Borse europee positive stamani sulla scia del rimbalzo di Wall Street. Bene anche Milano, con il Ftse Mib che segna +0,5% a 21.406 punti, in linea con gli altri indici del Vecchio Continente.

Sono in parte rientrati i timori di instabilità politica negli Stati Uniti. Gli analisti ritengono che le probabilità di un impeachment del presidente Donald Trump, accusato per i suoi legami con la Russia, siano basse, anche se la vicenda rischia di indebolire comunque la Casa Bianca di ritardare le riforme più attese come quella fiscale.

Nel frattempo si aperto un nuovo fronte caldo in Brasile, dove dove il presidente Michel Temer sarebbe coinvolto in uno scandalo di corruzione: l'indice locale Bovespa è arrivato a perdere ieri fino al 10%.

In Asia Tokyo ha chiuso in guadagno dello 0,19% a 19.590 punti.

Wall Street aveva chiuso ieri sera positiva con il Dow Jones che è rimbalzato dello 0,27% a 20.663 punti, S&P 500 +0,37% a 2.365 punti, Nasdaq +0,73% a quota 6.055 punti.

A Piazza Affari fra i casi di Borsa di giornata centra il rimbalzo anche Fca +2,7% a 9,60 euro dopo avere lasciato sul terreno nelle ultime due sedute quasi l'8% o 1,1 miliardi di capitalizzazione. Positiva anche la controllante Exor, mentre Ferrari cede 1 punto percentuale a 75,20 euro dopo guadagni di ieri.

Sempre nell'auto in forte recupero anche Brembo +2,4%. Fra i migliori stamani spicca inoltre Buzzi Unicem +2,7% con Berenberg che ha alzato la raccomandazione sul titolo a Buy da Hold e il target price a 27,20 da 23,4 euro. Leonardo balza a sua volta del +2,5%.

Le vendite invece prendono di mira i difensivi con Terna -0,8%, Snam -0,7%, Atlantia e Campari appaiati a -0,6%.

Ancora debole Telecom -0,7%. Il gruppo come è noto, attraverso la controllata Tim Brasil, è esposto a questo mercato sudamericano dove nel primo trimestre ha generato un quarto dei suoi ricavi.
Banche generalmente positive con l'indice di settore che avanza dello 0,5%. La migliore è Unicredit +1,6% a 16,73 euro, Banco Bpm +1,3%, Ubi +0,8%. Più indietro Intesa +0,1% a 2,79 euro, mentre Bper cede lo 0,6% dopo che l'Ad Alessandro Vandelli in un'intervista ha raffreddato le aspettative su progetti di M&A da parte dell'istituto romagnolo.

Fuori dal Ftse Mib, positiva Fincantieri +1,1% dopo avere sborsato 79,5 milioni per la maggioranza di Stx France.

I petroliferi vedono Eni guadagnare lo 0,5% a 14,93 euro, Tenaris +0,4%, Saipem -0,1%.

Sul mercato delle valute l'euro/dollaro riprende a salire e segna quota 1,1136 (+0,32%).

Acquisti sul petrolio con il Brent a 53,09 dollari (+1,1%) e il Wti a 49,98 (+1,3%).



Copyright © 2017 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy