Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Mercati

Borsa: Milano scivola con Europa, pesano Stm e Unicredit

La settimana si avvia a conclusione nel segno delle vendite. banche nel mirino con caso Turchia e spread

S. N.
venerdì 10 agosto 2018 13:27

Seduta di vendite a Piazza Affari, in linea con le altre Borse europee e in parte sui timori legati al crollo della Lira turca.

La Lira turca è scivolata stamani su nuovi minimi storici contro il dollaro, arrivando a cedere fino al 6%.

A preoccupare è soprattutto l'esposizione delle banche, come emerso nelle ultime ore dalla stessa Bce.

Inoltre la Turchia è un partner commerciale importante per l'Eurozona, con esportazioni vero Ankara per 63 miliardi nel 2017.

A Milano il Ftse Mib segna alle ore 13,26 -1,75% a 21.255 punti.

Sul forex, l'euro/dollaro cede altro terreno e scambia sotto quota 1,15 contro il biglietto verde, qust'ultimo acquistato anche come valuta rifugio.

Il petrolio è stabile con il Brent a 72 dollari al barile e il Wti a circa 67 dollari.

Sull'obbligazionario il tasso del Btp a 10 anni si attesta in questo momento al 2,92% dal 2,92% di ieri con lo spread sul Bund a 258 da quota 252 punti base.

Questa mattina il Tesoro ha collocato 6 miliardi di Bot a 1 anno con un tasso medio dello 0,679%, in rialzo di 34 punti base dall'asta di luglio e sui massimi dal 2014. La domanda peraltro è stata buona, pari a 10,74 miliardi con rapporto di copertura 1,79.


Tornando agli indici di Borsa, banche sotto i riflettori quindi sia per il caso Turchia sia per i timori legati allo spread. Nel mirino Unicredit che cede oltre il 3% trattandosi di una delle banche europee più esposte alla Turchia con la controllata Yapi Kredi.

Fra i bancari male oggi anche Ubi Banca -2,3% e Intesa Sanpaolo -2,4% mentre Banco Bpm, Bper e Mediobanca cedono oltre 1 punto percentuale. Limita i danni Fineco -0,6%.

Mps -1,6% non beneficia dei rumors sulla prossima cessione di Npl per 2 miliardi.

In rosso anche Carige -2% che ha comunicato stamani l'uscita di un altro consigliere dal cda, in attesa dell'assemblea del 20 settembre per il rinnovo del board.

Resiste intorno alla parità Creval dopo conti sopra attese e indicazioni sul risiko.

In controtendenza sul listino principale Unipol +2,5% e Unipolsai +0,8% dopo la solida semestrale presentata al mercato.

La maglia nera va invece a Stm che cede quasi il 5% in una giornata nera per il comparto europeo.

Vendite anche su Fca e Ferrari che lasciano sul terreno oltre il 2%. Realizzi su Leonardo -1,9%, Telecom -1,7%.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy