Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Mercati

Oggi in Borsa: Carige, Banco Bpm, Generali, Intek, Fervi, Safebag

Il rimbalzo dell'euro/dollaro e le dimissioni nel Regno Unito del segretario alla Brexit saranno fra i temi oggi in primo piano sui mercati Oggi parla Draghi

Redazione FR
lunedì 9 luglio 2018 08:22

Il rimbalzo dell'euro/dollaro e le dimissioni nel Regno Unito del segretario alla Brexit, per frizioni con la premier Theresa May, saranno fra i temi oggi in primo piano sui mercati.

Per le Borse europee comunque l'apertura è prevista oggi positiva.

Sul fronte macro, la giornata si è aperta con le esportazioni tedesche di maggio, uscite a +1,8% contro attese degli analisti per +0,8% su mese, per un avanzo della bilancia commerciale di 20,3 miliardi, in linea con le attese.

Non sono previsti altri dati di particolare rilievo, ma un discorso del presidente della Bce Mario Draghi alle ore 15.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso in rialzo dell'1,21% a 22.052 punti.

Sul mercato dei cambi l'euro/dollaro segna 1,1776 (+0,26%) dopo i dati misti sul'occupazione Usa che hanno visto un balzo dei nuovi posti di lavoro ma debole inflazione salariale. La sterlina dopo le dimissioni del segretario alla Brexit guadagna in realtà terreno contro dollaro a 1,3321 dollari (+0,28%) mentre è debole contro euro che segna 0,8838 sterline (+0,18%).

Il petrolio vede il Brent a 77,60 dollari al barile (+0,64%) e il Wti a 74,12 dollari (+0,43%).

Wall Street, ha chiuso venerdì sera positiva, con il Dow Jones in rialzo dello 0,41% a 24.456 punti, S&P 500 +0,85% a 2.759 punti, Nasdaq +1,34% a quota 7.688 punti.


Sulla Borsa di Milano banche sotto riflettori con Carige, dopo le dimissioni giunte venerdì sera da parte del consigliere Francesca Balzani, che si aggiungono a quelle di Stefano Lunardi e del presidente Giuseppe Tesauro, tutti in rotta di collisione con l'ad Paolo Fiorentino, citando "divergenze" in merito alla governance della banca. Divergenze che rischiano al tempo stesso di mettere in discussione l'articolato piano di rafforzamento condotto negli ultimi mesi dallo stesso manager della banca ligure. Domani resa dei conti in cda, con la possibile convocazione dell'assemblea in settembre per l'elezione di un nuovo presidente, mentre l'azionista Raffaele Mincione potrebbe tornare in pressing con la sua richiesta di rinnovare il board di Carige.

Occhi puntati anche su Banco Bpm, con la scadenza fissata per domani (ma potrebbe slittare a mercoledì) delle offerte vincolanti sul progetto Ace, che dovrebbe vedere la cessione di Npl fino a 10 miliardi, quindi ben oltre l'obiettivo prefissato di 3,5 miliardi, assieme alla piattaforma dei crediti deteriorati. Le offerte, secondo quanto scrive la Reuters, sarebbero scese a 6 da 7 dopo la defezione della cordata formata da Christofferson, Robb & Company e Fire-Consulting & Debt Management, alla quale poteva unirsi la Spaxs di Corrado Passera, pronta però a rientrare in un'altra cordata. In ogni caso la corsa si conferma affollata a tutto vantaggio di Banco Bpm.

L'ad delle Assicurazioni Generali, Philippe Donnet, ha fatto sapere che il gruppo con la cessione di Leben in Germania ha quasi completato le dismissioni previste dal piano, e si prepara a una nuova fase di espansione. Donnet ha inoltre chiarito che gli asset in Portogallo, per cui era emerso un interesse cinese, non sono in vendita.

Possibili nuovi spunti su Atlantia dopo il via libera arrivato venerdì pomeriggio dall'antitrust Ue al riassetto azionario di Aberis che vede la nascita di un colosso delle autostrade con Atlantia che controlla il 50% più un'azione, Acs il 30% e Hochtief 20% meno un'azione. I soci si esprimeranno in assemblea il prossimo 25 luglio. Intanto in Borsa Atlantia ha fatto a tempo a guadagnare lo 0,56% mentre a Madrid Acs ha allungato il passo chiudendo in rialzo dell'1,8%.

Fra le small cap, Intek Group informa in una nota che la controllata Kme ha raggiunto un accordo con European Acquisition Midco Limited per acquisire indirettamente il 100% della tedesca Mkm, primario operatore nel mercato europeo del rame. Il prezzo è di 80 milioni più una percentuale variabile di partecipazione del venditore in funzione della futura creazione di valore della combinazione. L'acquisto sarà finanziato con l'impiego di mezzi propri del gruppo e la vendita di asset non core di Kme.

L'aumento di capitale da circa 4,9 milioni di euro di Italia Independent si è chiuso venerdì con adesioni pari al 77,22% delle azioni offerte, per un controvalore di 3,77 milioni di euro. L'aumento di capitale è per un massimo di 4,88 milioni di euro. Le azioni di nuova emissione sono state sottoscritte al prezzo di 4 euro (di cui 3 euro a titolo di sovrapprezzo), con rapporto di 7 nuove azioni ogni 31 possedute. Un comunicato ricorda che l'azionista di maggioranza Lapo Elkann ha assicurato il completo successo dell'operazione.

Da oggi e fino a successiva comunicazione sulle azioni ordinarie Esautomotion non sarà consentita l'immissione di ordini senza limite di prezzo. Esautomotion ha debuttato l'altro giorno sull'Aim con un balzo del 40% a 4,05 euro.

Fervi al termine del primo semestre 2018 rileva un preconsuntivo di ricavi consolidati pari a circa 12,4 milioni di euro, rispetto agli 11,5 milioni di euro al 30 giugno 2017, segnando una crescita dell'8%. I risultati semestrali completi verranno approvati, come da calendario finanziario, dal Cda del prossimo 27 settembre.

Safe Bag, attraverso la propria controllata PackandFly Group OU, ha firmato un contratto della durata di 5 anni per la fornitura della propria offerta integrata di servizi per i viaggiatori presso l'Aeroporto Internazionale di Cebu - Mactan, Filippine. Cebu è il secondo aeroporto delle Filippine, con circa 10 milioni di passeggeri nel 2017, in crescita del 9% circa nel 2018, atteso in ulteriore progresso nel secondo semestre 2018 anche grazie alla costruzione del nuovo terminal, inaugurato il 1 luglio scorso.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy