Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Mercati

Oggi in Borsa: Creval, Telecom, Fca, Cucinelli

Ritorno definitivo alla normalità per i mercati dopo la lunga parentesi semi-festiva e i forti rialzi da inizio anno

Redazione FR
lunedì 8 gennaio 2018 08:13

Ritorno definitivo alla normalità per i mercati dopo la lunga parentesi semi-festiva, fra scambi ridotti ma anche l'emergere di alcune tendenze.

Il 2018 è partito in modo bruciante per gli indici americani, con rialzi nell'ordine del 2-3% per i principali listini da inizio anno e nuovi massimi storici. Bene anche Piazza Affari con il Ftse Mib a +4,2%. In Europa il Dax tedesco segna già +3,1% con l'Euro stoxx di area euro a +3%, brillante il Giappone il Nikkei a +4,2%.

Sul fronte macro la giornata si è aperta con gli ordini all'industria tedesca di novembre, usciti a -0,4% contro attese del consensus degli analisti a +0,1% mensile. Fra gli altri dati in agenda, le vendite al dettaglio dell'Eurozona di novembre (ore 11) sono previste a +1,3% mensile. Nessun dato di rilevo negli Stati Uniti, ma tre discorsi della Fed: Bostic (ore 18,40), Williams (ore 19,35) e Rosengren (ore 22).

A Tokyo intanto il Nikkei è chiuso oggi per festività.

Sul mercato dei cambi l'euro/dollaro segna 1,2008 (-0,17%).

Il petrolio vede il Brent a 67,72 dollari al barile (+0,15%) e il Wti a 61,57 dollari (+0,21%).

Wall Street ha chiuso venerdì sera su nuovi massimi, con il Dow Jones in rialzo dello 0,88% a 25.295 punti, S&P 500 +0,7% a 2.743 punti, Nasdaq +0,83% a quota 7.136 punti.

Sulla Borsa milanese occhi puntati ancora sulla protagonista del primo scorcio del 2018 e cioè Fca che ha messo segno da inizio anno un +20,19% aggiornando più volte i massimi storici. Il gruppo auto beneficia di una combinazione di fattori fra cui la spinta di Wall Street, sull'euforia per i potenziali effetti del piano di tagli fiscali, oltre che delle attese per qualche possibile combinazione industriale oltre allo scorporo delle attività nella componentistica a partire da Magneti Marelli. Il titolo ha inoltre beneficiato venerdì scorso (+6,3%) della raccomandazione all'acquisto da parte di JP Morgan con target price di 21 euro.

Partenza positiva quest'anno anche per il comparto bancario, con un rialzo complessivo sull'indice di settore del 2,8%. Fra i titoli sorvegliati speciali quello del Credito Valtellinese che debutta oggi dopo il raggruppamento delle azioni a 11,91 euro, in preparazione dell'imminente aumento di capitale. Un'operazione da 700 milioni quest'ultima per il Creval, che tuttavia capitalizza attualmente poco più di 100 milioni.

E' attesa per oggi la decisione della Cnmv, la Consob spagnola, sulla autorizzazione già concessa all'Opas di Atlantia su Abertis senza il via libera preventivo del governo. Va detto però che nel frattempo Atlantia, alla fine di dicembre, ha comunque presentato la richiesta formale all'esecutivo iberico. La Cnmv dovrebbe prendere atto di questa mossa e la parola spetterebbe poi al governo di Madrid.

Possibili spunti su Telecom Italia dopo che alcune indiscrezioni di stampa hanno anticipato un piano di "turnover generazionale" che prevede migliaia di esuberi e, al contempo, assunzioni di giovani e riqualificazioni professionali in un'ottica di digitalizzazione del gruppo. La misura dovrebbe essere contenuta nel nuovo piano industriale 2018-2020. Sui numeri degli esuberi secondo fonti sindacali, non confermate dall'azienda, ci sarebbero sul tavolo diverse ipotesi che convergono su una cifra di 5mila esuberi nel triennio.

Nel comparto del lusso attesa per i conti preliminari di Brunello Cucinelli con un conference call in programma alle ore 17,30. Il consensus si aspetta ricavi 2017 pari a 502 milioni di euro. La guidance dovrebbe confermare utili e ricavi in crescita a doppia cifra nel 2018.

Stamani Diasorin e Qiagen hanno annunciaton la firma di una partnership per aggiungere il test QuantiFeron-TB sviluppato da Qiagen al menù DiaSorin disponibile sulle piattaforme completamente automatizzate della famiglia Liaison. L'aggiunta di questo test permetterà ai clienti di entrambe le società di usufruire del QuantiFeron-TB Gold Plus, il test più avanzato per l'identificazione della tubercolosi latente sulle piattaforme della famiglia Liaison.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy