Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Mercati

Oggi in Borsa: Mps, Mediaset, Fullsix

Apertura europea attesa in ribasso. Il braccio di ferro tra Roma e Bruxelles sui numeri del Def è il tema destinato a catalizzare oggi l'attenzione dei mercati, soprattutto a Piazza Affari

S. N.
lunedì 8 ottobre 2018 08:19

L'apertura delle Borse europee è attesa oggi in ribasso, dopo che la scorsa settimana lo Stoxx 600 ha segnato -1,8%, l'Euro Stoxx -1,6%, con il Ftse Mib a -1,8%.

Il braccio di ferro tra Roma e Bruxelles sui numeri del Def (o NaDef, Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza) è fra i temi destinati a catalizzare l'attenzione dei mercati, soprattutto a Piazza Affari, dove un ulteriore allargamento dello spread si ripercuoterebbe nuovamente sulle banche.

Sul fronte macro, la giornata si è aperta con la produzione industriale tedesca di agosto, uscita a -0,3% contro attese per +0,4%. Non sono previsti oggi altri dati particolarmente rilevanti.

A Tokyo intanto il Nikkei è rimasto chiuso oggi per festività. In Cina le Borse hanno riaperto all'insegna delle vendite dopo una settimana di festività. Shanghai cede in questo momento circa il 3%.

Sul mercato forex l'euro/dollaro segna 1,1510 (-0,11%).

Il petrolio vede il Brent a 83,48 dollari al barile (-0,81%) e il Wti a 73,88 dollari (-0,62%).

Wall Street ha chiuso venerdì sera nuovamente negativa, con il Dow Jones in calo dello 0,68% a 26.447 punti, S&P 500 -0,55% a 2.885 punti, Nasdaq -1,16% a quota 7.788.


Sulla Borsa di Milano, il focus resta come detto sulle banche, dopo un'altra settimana difficile per il comparto (-4,6% nell'ottava) in scia alla volatilità dello spread.

Fra i singoli istituti, Mps ha aggiornato venerdì scorso i minimi storici intraday scendendo per la prima volta sotto i 2 euro, dopo la cessione delle attività in Belgio per 42 milioni, una cifra inferiore alle attese. La banca corre ai ripari accelerando su alcune misure di rafforzamento, a partire secondo quanto scrive il Sole 24 Ore da un portafoglio di 500 milioni di immobili fra cui palazzi storici a Roma e Milano e sedi dismesse. Inoltre dovrebbe essere finalizzata la cessione di 1,1 mld di Utp (progetto Morgana), altri incagli per 420 milioni (progetto Alpha 2) e un portafoglio di Npl (progetto Merlino) da 2,4 miliardi per cui sono invece attese a breve le offerte non vincolanti.

Possibili spunti su Mediaset dopo che l'opa congiunta con F2i su Ei Towers è andata in porto con adesioni al 97,44715% del capitale. Per la società delle torri si profila pertanto il delisting, mentre Mediaset segna una plusvalenza di 510 milioni. Chi non ha aderito all'offerta potrà ancora consegnare i propri titoli, che saranno pagati allo stesso prezzo dell'opa di 57 euro per azione.

Il settore delle costruzioni resta sotto i riflettori con Astaldi (venerdì ancora in recupero, +12,7%) al lavoro sulla manovra di salvataggio che dovrebbe prevedere un aumento di capitale e vedere potenzialmente la partecipazione di Salini Impregilo, che è invece finita sotto pressione in borsa (venerdì ha chiuso sotto i 2 euro).

Fra le altre notizie, FullSix ha ceduto l'intera partecipazione detenuta in FullSystem a Telemetrica per 125.000 euro. Prevista anche una "management Fee" di ulteriori 75.000 euro se sarà perfezionato entro il 30 aprile 2019 il contratto relativo alla commessa in Slovacchia.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy