Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Mercati

Oggi in Borsa: Telecom, Bper, Mps, Safilo, Nice

La reazione dei mercati al bombardamento alleato in Siria dovrebbe essere sostanzialmente nulla. In agenda le vendite al dettaglio Usa. Fra le trimestrali Bofa e Netflix

Redazione FR
lunedì 16 aprile 2018 08:13

La reazione dei mercati al bombardamento americano in Siria dovrebbe essere oggi sostanzialmente nulla. Il raid, condotto dagli Usa con Gran Bretagna e Francia, era stato ampiamente annunciato, e la Russia sarebbe stata messa al corrente preventivamente per evitare una pericolosa escalation.

Inoltre il presidente Trump ha detto che è "missione compiuta", quindi al momento non dovrebbero seguire altre azioni di questo tipo. Allo stesso tempo il Medio Oriente si conferma un focolaio di tensione internazionale, il che dovrebbe continuare a sostenere nei prossimi mesi il prezzo del petrolio.

L'agenda macro prevede pochi dati fra cui spiccano però le vendite al dettaglio Usa di marzo (ore 14,30) attese dal consensus a +0,4% mensile. Previsti anche tre discorsi della Fed: Kaplan e Kashkari alle ore 18, Bostic alle ore 19,15.

Proseguono le trimestrali Usa con Bank of America e Netflix, fra le altre, dopo le i conti record di Jp Morgan e indicazioni positive anche per Citigroup e Wells Fargo.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso in progresso dello 0,26% a 21.835 punti.

Sul mercato dei cambi l'euro/dollaro segna 1,2334 (+0,04%).

Il petrolio vede il Brent a 71,85 dollari al barile (-1,01%) e il Wti a 66,83 dollari (-0,83%).

Wall Street aveva chiuso venerdì sera negativa, con il Dow Jones in calo delllo 0,5% a 24.360 punti, S&P 500 -0,29% a 2.656 punti, Nasdaq -0,47% a quota 7.106 punti.

Sulla Borsa milanese continua a tenere banco la battaglia per Telecom Italia, pur debole nell'ultima settimana (-0,5% contro il +1,75% del Ftse Mib) in attesa dell'assemblea del 24 aprile. Proprio in vista di questa assise, secondo quanto ricostruito dal Sole 24 Ore nel fine settimana, sarebbe stato depositato il 68% del capitale. Si allargherebbe il fronte pro-Elliott, che conterebbe già sull'appoggio del 34,35% del capitale, fra cui spunta una quota dell'1% del fondo attivista tedesco Svm (già presente in (Retelit). Pendono però i ricorsi di Tim e Vivendi in Tribunale contro l'integrazione dell'ordine del giorno dell'assemblea del 24 aprile, accolta dal Collegio sindacale, che prevede il voto sulla sostituzione di 6 consiglieri Vivendi con la lista predisposta dal fondo Elliott.

Fra le banche, via libera sabato scorso dell'assemblea di Bper alla lista del Cda capitanata dall'ad Alessandro Vandelli, con il 73,4% dei voti, esito superiore alle attese sopra le attese per l'asse formato tra Fondazioni, Unipol e soci storici, oltre che per l'appoggio dell'azionariato diffuso. Vandelli ha detto che la banca è già al lavoro per presentare a settembre il nuovo piano industriale che ha fra gli obiettivi solidità patrimoniale, redditività e profittabilità, ed efficientamento dei costi.

Sempre fra le banche, Mps resta sorvegliata speciale dopo che anche venerdì il titolo ha chiuso negativo nonostante le indicazioni positive arrivate dall'ad Morelli in assemblea. Il bilancio della settimana è un -8,5%, annullando così buona parte dei guadagni dell'ottava precedente (+13,9%).

Moody's ha declassato il rating di Safilo a B1 da Ba3. L'outlook sulla valutazione è stabile. Il downgrade riflette "il deterioramento dei parametri finanziari, dopo una performance operativa molto debole nel 2017, in parte dovuta ad un evento eccezionale, e la nostra aspettativa che i parametri finanziari miglioreranno gradualmente nei prossimi 24 mesi" afferma l'agenzia di rating.

Fra i titoli più "sottili" Nice, azienda leader della Home & building automation schierata sull'indice Star di Borsa italiana, si espande nel settore della Home Security annunciando l'ingresso come azionista di maggioranza dell'americana Abode Systems. Nice acquisterà il 75% della società americana entro il 30 giugno per 18,75 milioni di dollari. Sono previste inoltre opzioni call e put sul restante 25%. L'operazione sarà finanziata con mezzi propri e linee di credito già a disposizione.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy