Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Mercati

Oggi in Borsa: Unicredit, Bper, Carige, Pirelli, Smre

L'apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità

Redazione FR
martedì 7 agosto 2018 08:10

L'apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità all'indomani di una seduta poco mossa a Piazza Affari così come nel resto del Vecchio Continente, mentre Wall Street ha chiuso in rialzo al traino del settore tecnologico.

Sul fronte macro la giornata si è aperta in Germania con la produzione industriale di giugno, uscita a -0,9% su mese contro attese per -0,5%, e con le esportazioni tedesche di giugno, uscite invariate su mese (atteso -0,4%) per un avanzo della bilancia commerciale pari a 19,3 mld (atteso 21,4 mld). Fra i pochi altri dati, negli Usa l'indice Jolts dei posti vacanti di giugno (ore 16) è atteso a 6,74 milioni.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso in rialzo dello 0,69% a 22.662 punti.

Sul mercato dei cambi l'euro/dollaro segna 1,1561 (+0,07%).

Il petrolio vede il Brent a 73,95 dollari al barile (+0,27%) e il Wti a 69,19 dollari (+0,26%).

Wall Street, ha chiuso ieri sera positiva, con il Dow Jones in rialzo dello 0,16% a 25.502 punti, S&P 500 +0,35% a 2.850 punti, Nasdaq +0,61% a quota 7.859.


Sulla Borsa di Milano il focus è sui risultati diffusi stamani da Unicredit, che ha archiviato il secondo trimestre con un utile netto di 1 miliardo su ricavi per 4,9 miliardi, in entrambi i casi in linea con attese. Margine d'interesse 2,7 mld, commissioni a 1,7 mld. Il rapporto tra crediti deteriorati lordi e totale crediti lordi (Npl ratio lordo) è migliorato di 243 pb a/a attestandosi all'8,7%, con un rapporto di copertura del 60,9%. Cet1 fully loaded a 12,51% nel secondo trimestre. Agli attuali livelli di spread Btp/Bund, viene sottolineato, tale coefficiente patrimoniale è confermato tra il 12,3% e il 12,6% nel 2018. Il consensus degli analisti fornito dalla stessa Unicredit e basato sulle opinioni di un panel di 25 broker, prevedeva fra gli altri dati un utile netto di 975 milioni, su ricavi per 4,89 miliardi di cui margine d'interesse a 2,62 miliardi e commissioni nette a 1,72 mld.

Sempre fra le banche, possibili nuovi spunti su Carige, dopo il +9,2% di ieri in attesa del braccio di ferro nell'assemblea del 20 settembre tra gli azionisti Vittorio Malacalza e Raffaele Mincione, quest'ultimo sempre intenzionato ad incrementare la sua quota nella banca ligure. Oggi si svolgerà un cda con al centro la lettera di risposta alle critiche mosse recentemente dalla Bce e una possibile accelerazione del piano di cessioni.

Sono attesi invece a mercato chiuso i conti di Bper, attesi nel trimestre in utile di 73,3 milioni con ricavi per 520,4 mln. Conference alle ore 18 con l'ad Alessandro Vandelli.

Per Pirelli il consensus (Bloomberg) si attende un utile netto di 112,3 mln su ricavi per 1,59 miliardi, mentre l'ebitda è visto a 316 mln e l'ebit a 235,5 mln.

In agenda oggi anche i cda per l'approvazione dei risultati al 30 giugno di Banca Farmafactoring e doBank.

Intanto fra le semestrali Toscana Aeroporti parla in una nota di 6 mesi "record per il sistema aeroportuale toscano con 3,8 mln di passeggeri (+3,1%)". Il gruppo archivia il semestre con ricavi totali per 61 milioni (+10,4%), ebitda a 15,4 mln da 11,5 milioni del primo semestre, ma rettificato a 11,4 mln al netto dei maggiori proventi straordinari registrati nel primo semestre 2018. Il risultato netto è pari a 5,9 milioni di euro (+64,6%), al netto dei proventi straordinari, il risultato netto di periodo del Gruppo adjusted ammonta a 3,3 milioni di euro rispetto ai 3,6 milioni di euro al 30 giugno 2017. L'indebitamento finanziario netto consolidato è pari a 40,7 milioni di euro rispetto ai 28,5 milioni del 31 dicembre 2017 e ai 38,8 milioni di euro al 30 giugno 2017.

Sul listino Aim, acquisizione per Smre, la società attiva nei settori Automation e Smart Mobility, grazie a un accordo che prevede l'acquisizione indiretta, da parte di Smre e Faist Holding, del 60% del capitale sociale di PK Elettronica. Il gruppo si rafforza così nella produzione delle schede elettroniche, verticalizzando a monte la catena produttiva.

Go internet fa sapere in una nota che la società ha registrato un totale di 549 nuovi clienti nel mese di luglio (648 in giugno), di cui 374 nel segmento 4G Lte, 107 nel 4G Wimax e 68 nel Fiber To The Home attivo a Perugia e Bologna. I rinnovi dei contratti si sono attestati complessivamente su 105 unità nel 4G Lte e Wimax.



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy