Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Skin ADV
Home



News e Politica

Alitalia: ricavi da passeggeri +10,6% a giugno

Il commissario Gubitosi si rivolge al governo: serve un piano a 5 anni. La replica della maggiornanza: prima vogliamo vedere i conti

S. N.
lunedì 9 luglio 2018 13:49

"La cura Alitalia funziona. Ora il Governo scelga". Così Luigi Gubitosi, uno dei tre commissari di Alitalia, in un'intervista al Corriere della Sera, in cui spiega che "un anno fa eravamo la cenerentola d'Europa, i tour operator ci chiedevano se era sicuro prenotare, se ad agosto ci saremmo ancora stati. Oggi chiudiamo il mese di giugno con una crescita dei ricavi da traffico passeggeri del 10,6%, dopo il +7,6% di maggio".

Ora ad Alitalia "serve un piano di lungo periodo, che deve nascere da una scelta di politica industriale".

Secondo Gubitosi "è stato fatto molto in questo anno, ma molto c'è ancora da fare. Oggi c'è un management forte che ha creato motivazione tra i dipendenti e questo ha migliorato il livello di servizio. Alitalia è la compagnia piu' puntuale d'Europa. Si tratta di un risultato estremamente importante".

Parlando del conto economico di Alitalia, Gubitosi ha affermato che "nel 2* trimestre il margine operativo lordo (Ebitda), l'anno scorso negativo per circa 100 milioni, sarà vicino al pareggio e l'aumento dei ricavi da traffico, trimestre dopo trimestre, conferma che siamo sulla strada giusta. Ma per mettere Alitalia in sicurezza vanno fatti interventi strutturali che implicano decisioni sul futuro dell'azienda. Soprattutto in un contesto di elevati prezzi del petrolio".


Del prestito ponte da 900 milioni, "al 30 giugno erano 763 milioni, più 103 milioni depositati presso la Iata. E' praticamente intatto, ma andiamo verso l'autunno e aumenterà l'utilizzo, anche per questo è importante decidere e fare presto. Il mandato dei commissari ha un orizzonte temporale breve. In questo anno abbiamo apportato molti miglioramenti e il mercato ce lo sta riconoscendo. Il tasso di riempimento degli aerei è cresciuto ma, soprattutto sul lungo raggio, ci stiamo avvicinando alla soglia della massima capacità".

Per il commissario di Alitalia, "serve innanzitutto un piano di almeno 5 anni, che comprenda investimenti sulla flotta, in particolare sul lungo raggio dove l'Italia è ancora sottoservita. Alitalia ha diverse tipologie di aerei, per i 2/3 in leasing, con costi di esercizio alti che potrebbero essere ridotti sensibilmente, ma per noi commissari è impossibile pianificare investimenti di questo tipo".

Dalla maggioranza ha risposto in una nota Giulia Lupo, senatrice del Movimento 5 Stelle. "A seguito delle dichiarazioni del commissario Gubitosi, rilasciate al Corriere della Sera, mi sento di rassicurare tutti sulla priorità del tema Alitalia, sia personale che del governo tutto. Non sono in discussione i commissari ma i conti, che come da decreto recentemente approvato dovranno essere trasmessi entro il mese di agosto".

La senatrice del M5s prosegue: "Gubitosi potrà rendersi maggiormente utile anticipando tale termine al fine di consentire al nostro team di esperti di ottimizzare il piano di rilancio dell'Alitalia, nell'interesse dell'azienda e dei cittadini tutti".



Testata giornalistica registrata al Tribunale di Monza - Copyright © 2018 Tutti i diritti riservati
AM FACTUAL SRLS C.F. 09708930962
Privacy